e continuo a cercare...

TACABANDA EP 2020

Dopo un'assenza di oltre 15 anni torniamo con un nuovo lavoro, una raccolta di 5 brani inediti (eccetto Ariva i Barbari) scritti e registrati tra il 2018 e il 2019, già usciti come singoli e video tra il 2019 e il 2020.

L’esigenza era di cristallizzare questo momento storico con una nuova produzione dal titolo evocativo e continuo a cercare...​. Come nei dischi precedenti, ammaliati da nuove e vecchie sonorità, esploriamo territori musicali diversi fino a perderci in un vortice di suoni, colori, emozioni che si incrociano e si confondono, mantenendo l'ironia e la curiosità degli esordi. È una ricerca che ritorna al blues e alla musica popolare del nostro territorio di origine, Venezia.

La traccia apripista L'Urlo è anche la prima canzone del nostro nuovo lavoro, ha un testo scarno e diretto - ​cuore e fegato si stanno parlando -​ e inizia con un riff di chitarra anni '60 dal ritmo saltellante: un mix fra ska e surf. Siamo tornati!

Segue la rivisitazione di un brano classico della musica popolare veneziana Ariva i Barbari di e con Alberto D'Amico; abbiamo scritto una parte di testo nuovo, che Alberto ha condiviso e cantato con noi.

Il terzo pezzo è Un gran brutto film, ha un testo in parte in francese, scritto e cantato da Miranda Cortes ed è caratterizzato da un suono che ricorda la canzone d'autore d'oltralpe.

Si continua con Brivido, un momento di pausa, di riflessione, un tenero abbraccio ai grandi compositori di musica da film.

Ultimo brano Muoviti Muoviti, dal delta del Mississippi alle barene della laguna veneta, per chiudere con un'atmosfera di festa e di leggera spensieratezza in puro stile Tacabanda.

Cover di Elena di Conciliis
RegistrazioniTraccia 1 settembre 2018 Mad Studio da Igor Di CataldoTracce 2-3-4-5 giugno 2019 Hollystudios da Francesco BoldiniMasterizzato da Giovanni VersariPre-produzione e produzione artistica di Pietro "Totò" De Conciliis
GUESTSMiranda Cortes - accordeon su 2,3,4,5 voce su 3Cristiano Schiabello - chitarra baritona su 2, 3, 5Danilo Scaggiante - sax su 5Francesco Clera - percussioni su 1 e 4Gianadrea Fasan - accordeon su 1Francesca “Farida” Foltran - voce su 1
SPECIAL GUEST: Alberto D'Amico - voce in "Ariva i Barbari"
RINGRAZIMENTIa Mario Lunetti per il materiale fotografico e videoa Steve Giant,e Claudio Mandelli per l'impegno nel portare avanti assieme a noi questo progetto.

Dedicato al nostro caro amico e maestro Alberto D'Amico

Venezia 29 ottobre 1943 - Santiago de Cuba 19 giugno 2020

Un regalo per i nostri amici

In occasione della Festa della Musica del 21 Giugno, abbiamo pensato di fare un regalo a tutti i nostri amici: il nostro nuovo EP con cover e file .waw - Il link è sul nostro canale YouTube, a disposizione di tutti gli iscritti. La Festa della Musica non ha confini - è il tema di questa edizione. Ogni mezzo è buono per diffondere musica in ogni dove, in ogni modo.


ISTRUZIONI: Vai al nostro canale YouTube Se non sei già iscritto, iscriviti al nostro canale (serve un account gmail). Copia il testo del video in evidenza (è il link per il download), incollalo nella barra degli indirizzi del tuo browser e scarica il pacchetto .zip Stampa, taglia, piega, incolla, masterizza ed ecco la tua personalissima copia del nostro nuovo lavoro. Per qualsiasi eventualità, contattaci.

TACABANDA - L'urlo

TACABANDA - L'Urlo
Il cuore prende il sopravventoe lo sento forte in golastrani movimenti nella testache a mia insaputa pensa
braccia e gambe vivonomani e dita volanochiuso in un vortice di pensieri ionon peso più, non penso piùnon parlo più, respiro pianoil silenzio è dentro e fuori
cuore e fegato si stanno parlandocuore e fegato stanno parlando piano
la strana cosa che parte alternativadalla testa al centroun fremito mi assale sento fortepulsare il sangue dentro
la rabbia e il doloreparlano lingue diverseè una strana sensazione dilieve formicolio
e allora io, io, io, urlo!e allora io, io, io, urlo!
per poi lasciarsi andareun poco per respirareriprendo in mano il controllo deimovimenti e comincio a sudare
sguardi che si incrocianobocche che si sfioranochiuso in un vortice di pensieri ionon peso più, non penso piùnon parlo più, respiro pianoil silenzio è dentro e fuori

Liberarsi da qualcosa che ci opprime e soffoca. Ecco l’urlo dei Tacabanda tornati sulla scena dopo 15 anni di assenza.

Ci sono tutti gli elementi caratterizzanti la nostra musica in chiave rivisitata, riprendendo anche sonorità d’oltre oceano come la “surf music” degli anni '60.

Un testo diretto dove il “cuore e il fegato”, espressione dei nostri sensi, si stanno parlando alla ricerca di un equilibrio.

Roberto Gandolfo - voce e chitarraPierluigi Volpini - trombaLoris Tagliapietra - bassoGiuliano Bianco - batteriaPietro “Totò” De Conciliis - chitarra
special guests: Francesco Clera - percussioniGianadrea Fasan - accordeonFrancesca “Farida” Foltran - voce
Registrato a settembre 2018 - Mad Studio da Igor Di CataldoMasterizzato da Giovanni VersariPre-produzione e produzione artistica di Pietro "Totò" De Conciliis
Video realizzato Al Vapore, lo storico music club di Marghera dove i Tacabanda sono nati nel ‘92. Abbiamo coinvolto amici vecchi e nuovi nella coreografia e con la partecipazione della maestra di danza Farida e le sue Oriental Pearls.

TACABANDA - Ariva i barbari

Alberto D'Amico e TACABANDA - Ariva i barbari
ariva i barbari a cavaloi gà do corni par capeoxé ‘na valanga che se butai gà la fame aretratai gà brusà tuto l’imperoscampemo che i ne vol magnar
e co sta barca e sta lagunatira la rede che la xé pienafa pian Luisa che la se sbregavien su Venessia e el sol la sugama vien marubio e i piratila nostra orada i s’à robà
scampemo, scampemo, portemo e vachele strasse, i peoci, i gati, le ochemonté tuti in barca ve spenso col remoste fermi si no se rebaltemosta bona Luisa, no state dar penate trovo ‘na casa fora in barenabona Luisa, ‘na casa se trovasta note dormimo soto da provasta bona coversi el fio che tossedoman magnaremo poenta e pesse
passae do generazioni fioi no zoga più al balonsemo in bateo col caigoa mi me par ‘na tolta in giroqua tuti magna e beve in rivano se camina gnanca più
‘e scuole xé che e casca a tochi'e boteghe e xé seraequatro veci i xé restaii vien xò in cae stralunaipar comprarse un per de ciopeghe toca andar fin fondo ala cop
‘e luci in canal no xé el Redentorxé i bar in ogni angolo i sconde el lampionse e piere par tera podesse parlarne fisciaria e recie no sta dubitarbevemo do ombre, bevemo anca el sprisssentai xò al bacaro a ciacolarde questo, de queo sempre a ragionarpusai su ‘a panchina vardemo ‘a lunae intanto ‘na nave la passa in laguna
mi sta Venessia no la conosso piùmi sta Venessia no la conosso più

Il progetto Ariva i Barbari è un omaggio a Venezia, città natale di due grandi artisti, Alberto D'Amico, l'ultimo poeta della musica veneziana del Novecento, e i Tacabanda, che vantano 25 anni di attività musicale. Un tributo a Venezia, ai luoghi, alle persone, che sono rimaste e che rendono la città fertile e viva!


Nuova versione di "Ariva i barbari" di Alberto D'Amico a cura di TACABANDA
Roberto Gandolfo - voce/chitarraPierluigi Volpini - trombaLoris Tagliapietra - bassoGiuliano Bianco - batteriaPietro “Totò” De Conciliis - chitarra
special guests: Alberto D'Amico - voceMiranda Cortes - accordeonCristiano Schiabello - chitarra baritono
Produzione esecutiva Venezia Roots by Steve GiantProduzione Artistica Totò De Conciliis
Registrato nel giugno 2019 presso Hollystudios da Francesco Boldini. Masterizzato da Giovanni VersariPre-produzione di Pietro "Totò" De Conciliis
Video a cura di MB multimedia & broadcastsoggetto e coordinamento: Dario Beltrameriprese: Mauro Folin, Alberto Mandelli, Mirko Toninimontaggio: Alberto Mandelli
Backstage a cura di Claudio Mandelli

TACABANDA - Un gran brutto film

TACABANDA - Un gran brutto film
Levami gli occhi di dossoho perso la corsa quell'ultimo trenofaccio due passi poi faccio tre passiprovo a scappare
ou veux-tu donc allerici le monde est renverséil n'y a pas de fleurs mais que des poubelleset un petit refrain
tu lasciami andarefammi provare voglio ragionaremi hai stretto legato i legacciin quel posto lontano
c'est avec un grand plaisirque je t'annonce mon arrivéeun accordéon boite à frissonsune merveille
Saute et sautille, danse la polkala folle histoire du monde, du grand cinémascopequi nous dévore tous, toi et moi, enfin moi et toice n'est qu'un film, un mauvais film
faccio due salti poi faccio tre saltiquel fiore appassito lasciato sul vasodimentica l'acqua dimentica il fioresi è spento anche il sole
le dita intrecciate a cercare rispostequel pugno sul naso ha provato a sganciaresembravi sul ringa me di essere in un gran brutto film
salta la strada salta la via questa è la storia ma non è la miasalta la strada salta la via questa è la storia ma non è la mia
Saute et sautille, comme une billeà droite à gauche, 1 2 3 4le cinémascope, la polka du mondequi nous entoure et nous enveloppe
salta la strada salta la via questa è la storia ma non è la miasalta la strada salta la via questa è la storia ma non è la mia
Saute et sautille, comme une billeà droite à gauche, 1 2 3 4le cinémascope, la polka du mondequi nous entoure et nous enveloppe
le dita intrecciate a cercare rispostequel pugno sul naso ha provato a sganciaresembravi sul ringa me di essere in un gran brutto film

La storia di un litigio, una cosa che è capitata, o può capitare a tutti.

La difficoltà dei rapporti interpersonali, il sentirsi legati, chiusi in una gabbia a causa di qualcuno.

Dietro a questo pretesto narrativo vi è una storia più ampia, più universale, quella di tutti noi che stiamo girando questo “brutto film” per le generazioni future.

Il fuoco che brucia tutto, bianco o nero, giusto o sbagliato, buono o cattivo, dicotomie assolute alle quali ci stiamo abituando a pensare.

Ma la luce, il colore, le sfumature ci sono ancora: la scatola dei brividi e dei sogni, la fisarmonica, un piccolo ritornello, la musica.

Roberto Gandolfo - voce e chitarraPierluigi Volpini - trombaLoris Tagliapietra - bassoGiuliano Bianco - batteriaPietro “Totò” De Conciliis - chitarra
special guests:Miranda Cortes - accordeon e voce en françaisCristiano Schiabello - chitarra baritono
Produzione esecutiva Venezia Roots by Steve GiantProduzione Artistica Totò De Conciliis
Registrato nel giugno 2019 presso Hollystudios da Francesco Boldini. Masterizzato da Giovanni VersariPre-produzione di Pietro "Totò" De Conciliis
Video homemade realizzato da Totocyborg, strizzando l'occhio ai silent movies degli anni '20.

TACABANDA - Brivido

TACABANDA - Brivido
brivido, corre in fondo alla schienaè un attimo tutto sembra sbiaditoscaldami come la luce del soletiepida è la notte che attende e risplende
buttati con le braccia a toccare su in cielostringimi come fosse un ultimo incontro tra noisorridi come un bambino a natale che aspettaflebile con un filo di voce racconti le solite cose
eh... sai come spingermi in fondo giù in bassoeh... come ho fatto a cadere di nuovo di nuovo di nuovo da te
piegami come un morso alla schienaelettrico è quel suono che t'anima e svegliachiedimi le volte che hai chiuso i miei occhi sul mondoaccarezzami le tue dita sottili che sfuggono
immobile fermo come impietrito orasvegliami ho dormito già troppo lo soquelle note scritte da tempo nascoste in cassetto non soho bisogno di vivere ridere gridare alla stelle che
eh... sai come spingermi in fondo giù in bassoeh... come ho fatto a cadere di nuovo di nuovo di nuovo da te
cadere di nuovo da tecadere di nuovo da te

È facile dare la colpa agli altri per i miei sbagli, per le mie scelte difficili, mai digerite.

Ho puntato il dito contro chi mi stava vicino e non mi ha aiutato, non ha potuto farlo, seppure urlava!

Io sordo, troppo impegnato a cancellare i miei sogni. E sono riuscito bene a distruggere tutto da solo. Ora è arrivato il momento di guardarsi allo specchio e gridare che io, soltanto io, sono l’unico artefice delle miei scelte, spetta solo a me trovare la forza di aprirmi agli altri, ritornare a coltivare i miei sogni , le mie passioni e non mollare... guardare il domani con occhi diversi , solo così, inizierò il cammino per ritrovare il mio orizzonte.

Roberto Gandolfo - voce/chitarraPierluigi Volpini - trombaLoris Tagliapietra - bassoGiuliano Bianco - batteriaPietro “Totò” De Conciliis - chitarra
special guests:Miranda Cortes - accordeonFrancesco Clera - percussioni
Produzione esecutiva Venezia Roots by Steve GiantProduzione Artistica Totò De Conciliis
Registrato nel giugno 2019 presso Hollystudios da Francesco Boldini. Masterizzato da Giovanni VersariPre-produzione di Pietro "Totò" De Conciliis

TACABANDA - Muoviti Muoviti

TACABANDA - muoviti muoviti
il sole che spacca le pietredalla laguna fino alla cittàl'odore dell'erba tagliatala semina avanza che sembra una danza
le luci che abbagliano il soleil palco è già pronto un poco più in lala gente che arriva si brinda alla spinakabab e piadina la giostra che gira
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
s'alza il sipario tifo da stadiole facce truccate che sanno di festaapriamo le porte che l'aria è già caldaviviamo la notte c'è voglia d'estate
le scritte graffiate sui murilingue diverse si stringono in corola musica unisce la banda che attaccausciamo a far festa stasera
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muoviti facciamo festalibera libera libera la testa
muoviti muovitimuoviti muovitimuoviti muovitimuoviti muoviti

Muoviti Muoviti

La danza, la musica: i Tacabanda.

Noi continuiamo a cercare il divertimento in quello che facciamo, ed ora forse come non mai, ne abbiamo tutti veramente bisogno. Allora Muoviamoci, se necessario anche stando fermi.


Roberto Gandolfo - voce/chitarraPierluigi Volpini - trombaLoris Tagliapietra - bassoGiuliano Bianco - batteriaPietro “Totò” De Conciliis - chitarra
special guests:Miranda Cortes - accordeonCristiano Schiabello - chitarra baritonoDanilo Scaggiante - sax
Produzione esecutiva Venezia Roots by Steve GiantProduzione Artistica Totò De Conciliis
Registrato nel giugno 2019 presso Hollystudios da Francesco Boldini. Masterizzato da Giovanni VersariPre-produzione di Pietro "Totò" De Conciliis
Video homemade realizzato da Claudio Mandelli